Vai al contenuto principale

Migrazioni, diritti umani, interessi nazionali e dimensione europea

Gazzetta ambiente - numero 5 - anno 2018

Articoli presenti nella sezione

A conclusione del Joint Project sviluppato dall'Istituto di studi giuridici internazionali (Isgi) del Consiglio Nazionale delle Ricerche e dall'Istituto di studi giuridici dell'Accademia nazionale delle scienze ungherese (HAS) nell'ambito dell'Accordo bilaterale di cooperazione scientifica tra CNR e HAS, si è tenuto l'incontro Migrazioni tra diritti umani, interessi nazionali e dimensione europea per presentare il libro 'Human Rights of Asylum Seekers in Italy and Hungary. Influence of International and EU Law on Domestic Actions', curato da Balázs Majtényi e Gianfranco Tamburelli, edito da Giappichelli e Eleven International.
Il libro rappresenta il principale risultato delle ricerche svolte nell'ambito del Joint Project e analizza – avvalendosi anche di contributi di esperti esterni – le questioni relative all'efficacia delle normative europee e internazionali in materia di diritto di asilo, e alle modalità della loro attuazione in Italia e in Ungheria.

L'Italia è stata attiva a livello europeo per l'adozione di misure di solidarietà e condivisione delle responsabilità. Al contrario, l'Ungheria ha chiuso il suo confine meridionale e ha adottato una legislazione anti-rifugiati. Inoltre, il governo ungherese ha espresso una forte opposizione al meccanismo di ricollocazione attivato dalla Commissione e ha anche rifiutato di essere un paese beneficiario di misure ad hoc. Questa politica ungherese si è basata sulla riaffermazione del principio di sovranità e sulla prevalenza degli interessi politici interni su un possibile orientamento dell'UE. Secondo l'Italia, questa posizione è in contraddizione con il principio della solidarietà interstatale sancito dall'articolo 80 del trattato sul funzionamento dell'UE e rischia di creare una 'ricaduta negativa' che mina gli sforzi per trovare soluzioni europee (o internazionali) comuni.
I metodi comparativi utilizzati nel volume consentono di evidenziare le tendenze attuali e le sfide presenti e future per i due Paesi e l'UE nella gestione dei flussi migratori. La ricca selezione di studiosi garantisce che il volume copra diversi aspetti della problematica, che riteniamo sia l'unico modo per presentare in modo significativo un fenomeno complesso. Accademici e esperti forniscono una panoramica degli aspetti del diritto internazionale ed europeo, dei diritti umani, delle politiche di immigrazione e integrazione, del controllo delle frontiere e Area Schengen.