Vai al contenuto principale
Foto di Benedetto Ciacciarelli

Foca monaca mediterranea a rischio di estinzione

di Susanna Tomei

Su Ga 3/17 un bellissimo reportage sulla foca monaca in Mauritania purtroppo a rischio estinzione.

La popolazione di foca monaca mediterranea (Monachus monachus) il cui nome deriva dal colore del mantello simile al saio dei monaci, ha avuto una rarefazione degli individui, o addirittura la scomparsa in molte aree marine del Mediterraneo occidentale, dove in un passato non troppo lontano era presente. 

In Italia, una delle zone dove la specie trovava l’ultimo rifugio, era lungo le coste della Sardegna, nel golfo di Orosei. Qui, c’è la famosa grotta del bue marino, dove un tempo le foche monache si rifugiavano per partorire i propri piccoli. 

Le ultime stime dei ricercatori della fondazione CBD-Habitat, per quanto riguarda la distribuzione della specie (che rimane ad alto rischio d’estinzione), affermano che la maggior parte dei pinnipedi sono concentrati tra le zone protette della Turchia e della Grecia. Ma a Cap Blanc, in Mauritania, c’è la più grande colonia di foca monaca mediterranea. Da osservazioni recenti alcuni individui si sono trasferiti dall’areale turco a quello di Cap Blanc, provando sia le condizioni favorevoli degli ambienti marini del parco Banc d’Arguin, ma anche i primi frutti dell’intenso lavoro di divulgazione svolto dai membri della fondazione sugli abitanti di Nouadhibou.

Dato positivo è che il numero dei superstiti comincia in questi ultimi anni ad avere un trend di ripresa confermato da avvistamenti di piccoli nuclei in Sicilia, Puglia e timidamente anche in Sardegna dove la specie ha subito una vera e propria mattanza negli anni '70-'80. Si ricorderà che nel luglio 1987 il Ministero dell'ambiente pubblicò un decreto col quale proprio per tutelare gli ultimi esemplari di foca monaca interdiva la navigazione e la pesca in tutto il golfo di Orosei, quindi per un tratto di costa lungo 40 chilometri. La reazione della gente della zona fu durissima tanto che gli amministratori locali chiesero la revoca del decreto.