Vai al contenuto principale
logo

Il GPP pubblico e privato

di Susanna Tomei

Si sono svolti nell’ottobre 2016, con grande successo, i lavori della X edizione del Forum CompraVerde-BuyGreen-Stati Generali degli Acquisti Verdi, la mostra-convegno dedicata a politiche, progetti, beni e servizi di Green Procurement pubblico e privato che permette di far incontrare gli attori coinvolti nella diffusione e attuazione degli acquisti verdi pubblici (o GPP-Green Public Procurement) – che hanno visto protagonisti centinaia di soggetti economici e istituzionali, riunitisi, a Roma, negli ampi spazi del Salone delle Fontane dell’Eur.

Il forum, nato nel 2007, promosso e organizzato dalla Fondazione Ecosistemi insieme ad Adescoop agenzia dell’economia sociale s.c. è la più importante manifestazione dedicata a politiche, progetti e azioni di Green Procurement, pubblico (GPP) e privato ed è il primo evento italiano certificato ISO20121 come «evento sostenibile».

L’evento ha visto la partecipazione di 17 Paesi, 4 delegazioni ministeriali, 110 ospiti stranieri, 2.000 operatori (tra Pubblica Amministrazione e imprese), 1.400 incontri, 130 relatori tra convegni, seminari e GPP Academy, tutti impegnati in uno scambio intenso e proficuo di esperienze e metodologie nel settore degli acquisti verdi e dell’economia sostenibile. Sicuramente la più significativa manifestazione europea sul tema.

Questa edizione è stata particolarmente importante perché, con l’approvazione del Collegato ambientale (L. 221 del 2015) e, dall’Aprile del 2016, con il Nuovo Codice degli Appalti (D.Lgs. 50 del 2016), il GPP (Green Public Procurement), in Italia, è diventato obbligatorio.

Su Ga 3/2016 ospitiamo su questi temi: il direttore della Fondazione Ecosistemi Silvano Falocco che illustra nel suo articolo la manifestazione e il ruolo del GPP in Italia; la responsabile pianificazione ambientale  e processo Agenda 21 della Città Metropolitana di Torino Valeria Veglia che racconta il Progetto APE e SPP Regions che ha visto attiva Torino e la sua provincia e, infine il direttore del Parco Nazionale Gran Paradiso Michele Ottino con l’esperienza di Ga e GPP del Parco Nazionale Gran Sasso.