Vai al contenuto principale

Il volontariato per la tutela dell'ambiente

di Susanna Tomei

L'articolo che pubblichiamo nel numero in uscita di Ga presenta una pregevole iniziativa classificabile come best practice ambientale e facilmente replicabile che ci teniamo a diffondere con la speranza che invogli sempre più cittadini ad aderirvi.

2hands è una organizzazione no profit nata nel 2018 a Molfetta (Bari) dall’idea di alcuni giovani tra i 18 e 21 anni con l’intento di fare qualcosa per l’ambiente e che è diventata nel tempo un riferimento di salvaguardia ambientale per il contesto locale.  

Specialisti del clean-up in questi anni di attività sono riusciti a raccogliere, con l’aiuto di volontari e di altre associazioni, migliaia di tonnellate di rifiuti

Nell’attività di sensibilizzazione ai problemi di tutela ambientale hanno svolto azioni nelle scuole promuovendo progetti e coinvolgendo alunni e insegnanti.

Tra i problemi ambientali affrontati da 2hands Organization vi è l’inquinamento dell’agro italiano

Le campagne italiane vengono utilizzate come discariche, tonnellate su tonnellate di rifiuti vengono abbandonati illegalmente e spesso poi dati alle fiamme. Un fenomeno che si intensifica di anno in anno e sta diventando una vera e propria emergenza ambientale. I rifiuti che più comunemente vengono ritrovati sono ingombranti come elettrodomestici, materiale edile di scarto, mobili, ma ancora più frequentemente sacchi di pattume indifferenziato, vetro, plastica e infine amianto. Il fenomeno si presenta soprattutto in concomitanza delle zone limitrofe e periferiche delle città, questi rifiuti vengono abbandonati nelle strade di campagna, lungo gli argini dei fiumi e nelle scarpate. Si tratta dunque di rifiuti estremamente dannosi per l’ambiente e per la salute umana. Danni collaterali sono una diminuzione del turismo, in particolar modo di quello rurale e del ciclo-turismo, e un aumento dei costi pubblici per sostenere il monitoraggio e la bonifica delle aree.

Con la missione Land Saviors l’associazione si propone di rimuovere rifiuti attraverso interventi di bonifica. In supporto alla missione Land Saviors infatti ci sarà il progetto di mappatura delle discariche abusive 2map. 

Anche l’inquinamento da plastica, una delle questioni ambientali più gravi da risolvere per gli effetti che causa sugli ecosistemi marini, è tra le priorità di 2hands Organization. Negli ultimi decenni la produzione e il consumo di oggetti in plastica ha visto una crescita esponenziale e ha prodotto fenomeni di inquinamento sulla terraferma e in mare. Fra i mari più inquinati da plastica e particelle di micro-plastica vi è il Mediterraneo.

Con l’Operazione Adriatic Heroes, grazie all’aiuto di migliaia di volontari sul territorio italiano, 2hands Organization intende realizzare la rimozione di rifiuti da mare e costa.